Incostituzionale il diniego di iscrizione anagrafica degli stranieri richiedenti asilo

Con il comunicato che pubblichiamo la Corte Costituzionale ha anticipato due profili  della decisione relativa al decreto legge n. 113 del 4 ottobre 2018.

La norma esaminata sanciva che il permesso di soggiorno rilasciato ai richiedenti asilo, non costituisse titolo per l’iscrizione anagrafica: la Corte ha ritenuto tale previsione intrinsecamente irrazionale, poiché non agevola le finalità di controllo dichiarate, ma anche irragionevolmente impari, nell’ostacolare ingiustificatamente  l’accesso ai servizi ai richiedenti asilo.

Corte Cost. comunicato del 9 luglio 2020

Tags

Condividi su:

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
Articoli Correlati
Articoli più recenti
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore