Le Sezioni unite sul rapporto tra atti persecutori e omicidio: depositata la motivazione

Cass., sez. un., 15 luglio 2021 (dep. 26 ottobre 2021), n. 38402, Cassano, Presidente, Zaza, Relatore.

Diamo notizia del deposito della motivazione della sentenza con la quale le Sezioni unite hanno affermato che la fattispecie del delitto di omicidio, realizzata a seguito di quella di atti persecutori nei confronti della medesima vittima, contestata e ritenuta nella forma di delitto aggravato ai sensi degli artt. 575, 576, comma primo, n. 5.1, c.p. – punito con la pena edittale dell’ergastolo – integra, in ragione dell’unitarietà del fatto, un reato complesso ai sensi dell’art. 84, primo comma, c.p.

Sui termini del contrasto, Di Florio, Lo stalker uccide la sua vittima: concorso di reati o reato complesso?, in https://penaledp.it/2940-2/

Cass_38402_2021

Tags

Condividi su:

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
Articoli Correlati
Articoli più recenti
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore