Per la Corte costituzionale sono leggibili in dibattimento le dichiarazioni rese al Gip dal “testimone assistito”

Con sentenza n. 218 depositata in data odierna, la Corte costituzionale ha dichiarato illegittimo l’art. 512, comma 1, c.p.p. nella parte in cui non prevedeva che possano essere lette in dibattimento, qualora siano diventate nel frattempo “irripetibili”, le dichiarazioni rese al GIP, durante l’interrogatorio di garanzia, dall’imputato di un reato collegato dopo essere stato avvertito che su quelle implicanti la responsabilità di terzi egli potrà essere citato come “testimone assistito”.

In particolare, è stato giudicato “irragionevole” che la norma censurata consenta la lettura, per irripetibilità, degli atti assunti dalla polizia giudiziaria, dal pubblico ministero, dai difensori e dal GUP, e non anche degli atti assunti dal GIP nell’interrogatorio di garanzia dell’imputato di reato collegato, qualora questi sia stato citato per essere sentito come teste in dibattimento.

Corte cost., 23 settembre 2020 (dep. 20 ottobre 2020), n. 218

Comunicato Corte costituzionale 20 ottobre 2020

Seguirà commento più approfondito.

 

 

Tags

Condividi su:

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
Articoli Correlati
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore