TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI PER FINI PENALI E DIRITTO A UN RICORSO GIURISDIZIONALE EFFETTIVO

Corte di Giustizia, Quinta Sezione, sentenza del 16 novembre 2023, Ligue des droits humains (Vérification du traitement des données par l’autorité de contrôle), causa C-333/22, ECLI:EU:C:2023:874

Segnaliamo ai lettori la recente sentenza della Corte di Giustizia UE, con la quale si è deciso che:
L’articolo 17 della direttiva (UE) 2016/680 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27aprile 2016, relativa alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali da parte delle autorità competenti a fini di prevenzione, indagine, accertamento e perseguimento di reati o esecuzione di sanzioni penali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la decisione quadro 2008/977/GAI del Consiglio, in combinato disposto con l’articolo 46, paragrafo 1, lettera g), l’articolo 47, paragrafi 1 e 2, e l’articolo 53, paragrafo 1, di tale direttiva, nonché con l’articolo 8, paragrafo 3, e l’articolo 47 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea,

deve essere interpretato nel senso che:
qualora i diritti di una persona siano stati esercitati, in applicazione di detto articolo 17, tramite l’autorità di controllo competente e tale autorità informi detta persona dell’esito delle verifiche effettuate, quest’ultima deve disporre di un ricorso giurisdizionale effettivo avverso la decisione di detta autorità di concludere il processo di verifica.

Normativa di riferimento

Artt. 17, 47, parr. 1 e 2, e 53, par. 1, direttiva 2016/680/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 aprile 2016, relativa alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali da parte delle autorità competenti a fini di prevenzione, indagine, accertamento e perseguimento di reati o esecuzione di sanzioni penali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la decisione quadro 2008/977/GAI del Consiglio

Artt. 8, par. 3, e 47, Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea

Precedenti

Corte di Giustizia, Grande Sezione, parere del 26 luglio 2017, 1/15, (Accordo PNR UE-Canada), EU:C:2017:592

Corte di Giustizia, Quinta Sezione, sentenza del 26 gennaio 2023, Ministerstvo na vatreshnite raboti (Registrazione di dati biometrici e genetici da parte della polizia), C‑205/21, EU:C:2023:49

Corte di Giustizia, Grande Sezione, sentenza del 21 giugno 2022, Ligue des droits humains, C‑817/19, EU:C:2022:491

Corte di Giustizia, Grande Sezione, sentenza del 4 giugno 2013, ZZ, C‑300/11, EU:C:2013:363

Tags

Condividi su:

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
Articoli Correlati
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore